Knives Out

Il primo film del mio 2020 è Knives Out: immaginate una partita di Cluedo, ma fatta a film, e, OK, con un trama leggermente più complessa di una partita di Cluedo, ma ci siamo capiti.

Ana De Armas (che finora avevo visto solo come ologramma in Blade Runner 2049) e Daniel Craig (che finora avevo visto solo come 007) con un bislacco accento del Kentucky reggono benissimo da protagonisti di un filmetto semplice-semplice ma impeccabile e teatrale — il resto del cast, per altro, non è esattamente composto da scappati di casa.

Fila via liscio, teso, per due ore, senza incespicare. Buon 2020.

I have spoken” (cit.)